Qualcosa di scarno e frettoloso a proposito di Bill Callahan

Strano, ma bello. Coincidenza o quello che è. Poco importa.

Ieri sera a casa ascoltavo Bill Callahan, ci sono andato praticamente in fissa pesante in quest’ultimo periodo, e lo commentavo insieme a un amico, ritenendo giusto l’ascolto del suddetto Bill Callahan in compagnia di una persona (l’amico suddetto) alle prese con un progetto musicale che amichevolmente chiamiamo “svolta cantautorale”.  L’idea di base era semplicissima e banale quanto basta: non c’è svolta cantautorale che tenga se prima non ti ascolti Bill Callahan. L’amico l’ho convinto.

In una libreria di San Lorenzo, davanti a un Fernet con ghiaccio, mezz’ora dopo. Con altri, sempre a parlare di Bill Callahan, oltre che di Josh T. Pearson e Wooden Wand. La frase che sintetizza tutto: “Bill Callahan è il De Andrè nordamericano.” Ci sto, sottoscrivo. (Ma quanti discorsi si potrebbero fare se solo potessimo passare le giornate ad organizzarli, i discorsi.)

Poco fa su twitter mi imbatto in una live session di Callahan su Daytrotter.

Eccola.

Buon ascolto. Vado.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...